Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa

 
Torna alla lista

17) La violenza e il dolore degli altri - Osservatorio sui sistemi di arma, la guerra e la difesa

CISP - Università di Pisa

 

  • ISBN: 978-88-8492-591-6
  • Pagine: 304
  • Prezzo: 16.00
  • Note: 14x21 - 1 tomo - brossura cucita - non illustrato

 

Il presente volume contiene una serie di saggi che analizzano la violenza attraverso il suo esito naturale, il dolore, che facilmente si legge esaminando gli altri da noi. Ne sono indagati meccanismi e presupposti, e presi in esame gli obiettivi della distruzione, quali i punti di debolezza della società civile, bambini, donne e persone che resistono, anche prendendo in esame il ruolo dei mezzi di informazione. Come consuetudine di lavoro, il tema non è affrontato in maniera sistematica ed esauriente, ma attraverso contributi di specialisti che conservano la responsabilità delle proprie affermazioni, e aiutano a comporre una visione del problema complessiva e approfondita, caratteristica del discorso interdisciplinare.Il volume è il terzo rapporto preparato per la divulgazione dei risultati dello studio di un’opportunità di pace prevista dalla legislazione italiana, la Difesa Civile Non Armata e Nonviolenta (DCNAN), una forma di difesa fondata sulla società civile. Pensata per aggiungersi innovativamente a quella militare, e indicata come finalità del Servizio Civile offerto ai giovani dallo Stato in aggiunta all’educazione scolastica, ad oggi la DCNAN non è completamente istituita, e richiede uno studio per la sua defi nizione operativa. Dopo l’esame dell’impiego della forza, caratteristica dei poteri dello stato, contenuto in "Armi e intenzioni di guerra" e "Difendere, difendersi", precedenti volumi 8 e 13 di questa collana, l’Osservatorio è passato all’analisi della violenza, e cioè di quanto nega felicità e pace, le due massime aspirazioni dell’individuo e della società. Il fine perseguito è fondare strade per contrastarne il doloroso insorgere, discutendo contestualmente l’effettiva possibilità dei tentativi, e i loro riflessi sulla strada per la pace.L’Osservatorio sui sistemi d’arma, la guerra e la difesa, è un gruppo di lavoro del Centro di documentazione sulla Globalizzazione, a sua volta organo del CISP, Centro Interdisciplinare Scienze per la Pace dell’Ateneo pisano. Formato da studiosi e docenti dell’Università di Pisa, in ampia collaborazione con esperti esterni, l’Osservatorio si occupa del rapporto tra la forza delle istituzioni e la violenza come lato oscuro degli umani.[PROSSIMA USCITA]