Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa

Seminario "Il conflitto nella relazione di cura" - Pisa, 4 aprile 2019, ore 15

Il Cisp, in collaborazione con il SISM (Segretariato Italiano Studenti in Medicina) di Pisa, organizza il seminario

"Il conflitto nella relazione di cura"

con Andrea Valdambrini, CISP, autore del libro "La gestione dei conflitti in ambito sanitario"

4 aprile 2019, ore 15.

Aula Massart, Scuola Medica, via Roma 55, Pisa

 Ingresso libero. Per prenotarsi: https://bit.ly/2HvKxGl  Q Code iscrizione seminario La gestione dei conflitti nelle relazioni di cura


Locandina seminario Il conflitto nella relazione di cura

Cosa succede quando la relazione non è armonica o appropriata? E quando c’è disaccordo sui ruoli, sullo status, sui confini professionali, sui percorsi terapeutici, sulle scelte da compiere? E quando ci sono visioni diverse della vita, della morte, della riproduzione, del concetto di salute? Queste domande non riguardano solo la figura del medico. I compiti di cura e il contatto diretto con il paziente sono spesso opera di altre figure professionali quali il personale infermieristico e gli operatori psico-socio-sanitari. Ai conflitti con il cittadino malato vanno aggiunti poi quelli tra gli stessi operatori sanitari, che possono essere altrettanto distruttivi e rendere il luogo di lavoro un vero campo di battaglia.

Il seminario intende, allo stesso tempo, proporre una chiave di lettura per comprendere le specificità del conflitto nelle relazioni di cura ed offrire un’introduzione al tema della gestione e trasformazione dei conflitti in ambito sanitario secondo la prospettiva dei Conflict Studies e della Peace Research, indicando i possibili percorsi formativi per sviluppare competenze di ascolto e di relazione, creatività ed elaborazione costruttiva delle diversità.

Alla base di questo approccio sta una concezione del conflitto come occasione di crescita, purché sia affrontato creativamente, in modo non distruttivo, mediante il metodo della nonviolenza attiva, rafforzando una visione plurale della realtà dove la diversità di punti di vista può diventare da fonte di scontro che mira alla sopraffazione dell’altro a possibilità di arricchimento e emersione di nuove potenzialità positive.

SEGUICI SU FACEBOOK: https://www.facebook.com/events/256060502010110/?active_tab=about