Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa

Convegno "Il ritorno della razza. Argini e antidoti dalla conoscenza" - Pisa, 9 novembre ore 9.00

Iniziativa promossa dal Coordinamento dei Comitati Unici di Garanzia di SNS, SSSUP, UNIPI, Comune e Provincia di Pisa, AOUP in collaborazione con il CISP ed il Laboratorio di cultura costituzionale,

DOVE: Sala Azzurra, Scuola Normale Superiore, Piazza dei Cavalieri.

Maggiori informazioni nella locandina allegata.

Nell'ambito dell'iniziativa "IL RITORNO DELLA RAZZA. Argini e antidoti dalla conoscenza",

il 9 novembre 2018, alle ore 9.30, presso il Cinema Arsenale in vicolo Scaramucci n. 2 a Pisa, ci sarà la proiezione gratuita per le scuole, a cura del Cisp, del film "Concorrenza sleale".

Posti disponibili 140. Necessaria prenotazione, entro il 7 novembre, ai seguenti indirizzi: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

precisando tipologia di scuole e numero di studenti e studentesse.

La visione del film sarà preceduta da una breve introduzione della Prof. Enza Pellecchia, Direttrice del Centro Interdisciplinare "Scienze per la Pace" dell'Università di Pisa.

CONCORRENZA SLEALE di Ettore Scola, con Diego Abatantuono, Sergio Castellitto, Gérard Depardieu; Italia, 2001, 100'.
Umberto Melchiorri è un sarto milanese che ha da anni aperto un negozio a Roma. Proprio di fianco a lui ha aperto un negozio di abiti confezionati Leone, un sarto ebreo. La concorrenza tra i due è accesa anche se i figli più piccoli sono amici (sono loro i narratori della storia) e il figlio maggiore di Umberto e la figlia maggiore di Leone sono innamorati. La vita scorre tra riflessioni sul fascismo fatte dal combattivo fratello di Umberto, Angelo, professore di liceo, e ripicche tra i due commercianti. Fino a quando le leggi sulla razza non modificano la situazione costringendo il sarto ebreo prima a subire la confisca della radio e poi, di lì a poco, la prima sassata nella vetrina. Dovrà chiudere e andarsene dal quartiere. Ma prima avrà avuto la solidarietà del collega.