Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa

Doppio titolo in Scienze per la pace per una studentessa dell’Università di Pisa

Giulia Pallini ha conseguito la laurea presso l’Ateneo pisano e presso l'Université Paris-Dauphine.

Discutendo la sua tesi in video conferenza dal Senegal, dove sta lavorando con la Onlus Cospe, la studentessa Giulia Pallini ha conseguito la laurea magistrale in "Scienze per la pace: trasformazione dei conflitti e cooperazione allo sviluppo", un titolo doppio rilasciato in collaborazione con l'Université Paris-Dauphine. Giulia è la prima studentessa del dipartimento di Civiltà e forme del sapere dell'Università di Pisa ad aver raggiunto questo traguardo, dal momento che lo scorso dicembre aveva già conseguito il titolo di master in "Affaires Internationales et Développement", percorso in "Peace Studies", a Parigi. La tesi è stata discussa con il professor Arturo Marzano e trattava la sua esperienza di stage in Senegal.

Il percorso di doppio titolo tra l'Università di Pisa e l'Université Paris-Dauphine è stato inaugurato a partire dall'anno accademico 2016-2017. Gli studenti iscritti alla laurea magistrale in "Scienze per la pace: trasformazione dei conflitti e cooperazione allo sviluppo" presso il dipartimento di Civiltà e forme del sapere hanno la possibilità - se selezionati - di trascorrere un anno accademico presso l'Université Paris-Dauphine e dunque conseguire anche il titolo di Master in Francia.

19 giulia pallini

Giulia Pallini, 26 anni, originaria di Canale Monterano (RM), ha conseguito 60 cfu all'Università di Pisa il primo anno e 60 cfu all'università di Parigi l'anno seguente. Giulia ha ottenuto alcuni dei suoi crediti effettuando uno stage di 5 mesi con la ONG italiana Cospe, trascorrendo un mese e mezzo presso la sede di Firenze e tre e mezzo in Senegal. Attualmente, Giulia sta continuando a lavorare con il Cospe in Senegal, come consulente del progetto EMI (Economie Migranti) nella regione di Ziguinchor.

Leggi l'articolo completo sul sito di Ateneo.